“L’indipendentismo è esigenza del portafoglio e dell’anima… (cit. Vittorio Feltri)”. Ammiro molto Feltri e penso che frase migliore non vi sia per iniziare questo pezzo e dare una definizione all’indipendenza.

Cari lettori,

eccoci di nuovo insieme stavolta per parlare dell’avventuroso viaggio che Yes Podemo ha fatto per abbracciare e supportare gli amici catalani impegnati, pacificamente e con ordine, alle urne per la tanto attesa INDIPENDENZA.

Forse, non tutti sanno che sono 5 anni che i nostri amici catalani cercano la strada della libertà (il tutto iniziò il 9/11/2014 dove vi fu la prima votazione per il referendum autogestita e illegale con la vittoria del SI al 60%), e che grazie alla ANC (assemblea nazionale catalana) formata da una rete civica di associazioni indipendentiste  hanno formato i presupposti per l’indipendenza.  Anche in Veneto stanno nascendo realtà simili anche se la cultura catalana e prevalentemente di sinistra mentre in Veneto è di centro-destra. Questo sta a dimostrare se ancora ce ne fosse bisogno quanto l’autodeterminazione dei popoli sia trasversale e di nessun colore politico.

Con me oggi c’è Marco Busato, vice-presidente di Siamo Veneto recentemente in Catalogna come osservatore internazionale (ICEC)… abbiamo fatto due chiacchiere sull’esperienza appena conclusa vissuta a pieno… sentiamo un po’ che ci ha detto.

“Allora Marco, dimmi un po’ che sensazioni impressioni emozioni hai vissuto a Barcellona? Ciao Fede e grazie… ma sai la prima cosa che ti dico è che ho ancora impresso negli occhi il coraggio e la determinazione dei volontari ai seggi che scrutavano e controllavano i voti … non hanno mai pensato di scappare neanche quando, visibilmente impauriti, hanno saputo delle imminenti irruzioni della Guardia Civil spagnola.. Anche a me, sai Fede è venuta paura e voglia di scappare ma il coraggio di restare di aiutare questo magnifico popolo nella sua impresa, te lo davano gli anziani i disabili che nonostante i gravi fatti che stavano avvenendo con coraggio hanno fatto il loro dovere e sono andati a votare schierandosi davanti alle urne in maniera passiva per difenderle. Poi Fede c’è stato un momento in cui hanno provato a bloccare ogni tipo di comunicazione facendo saltare i server per far si che non venissero aggiornati i voti, per evitare che noi divulgassimo tramite i social le violente repressioni della Guardia Civil…si proprio così ci hanno provato fino in fondo, ma ha vinto la determinazione.

Quando avete visto intervenire la polizia catalana in aiuto dei loro concittadini ormai era fatta si sapeva che da li a poco avreste urlato vittoria … ma c’è un ma vero Marco? …. Si Fede c’è un ma.. vedi il popolo era si contento ma non in festa .. tutti sapevano che da li in poi iniziava la lotta che la strada si sarebbe fatta ripida.. non era finita la battaglia ma appena iniziata…! Eravamo stati avvisati comunque precedentemente come comportarci in caso di risse arresti o altro.. non dovevamo assolutamente reagire a nessuna provocazione (direi ovvia) da parte della Guardia Civil.

C’è anche un altro cruccio per i catalani… si aspettavano molto più sostegno e aiuto da parte degli stati del G7 invece quello schifo di Europa democratica non ha assolutamente neanche provato a difendere il voto democratico catalano… se ne sono lavati le mani!  E questo è davvero inammissibile!

Tante sono state le dichiarazioni sui fatti avvenuti il I° di ottobre da parte di capi di stato presidenti del consiglio sindaci e assessori…. Il peggiore sempre dai nostri rappresentanti. Io (e come me Marco) penso che affermare che la repressione su una popolazione è una cosa corretta faccia rabbrividire.

Bene Marco siamo alla fine, volevo solo ricordare quando hai pubblicato il tuo video dove la vostra guida, Sig.a Consol, vi ha presentati ai catalani siete stai applauditi come eroi (mi interrompe).. Fede quando lo guardo mi emoziono ancora… è stato semplicemente meraviglioso… dobbiamo solo imparare da questa gente meravigliosa…! Ecco volevo proprio sottolineare questo….

Dai Veneti ora tocca a noi …e come sempre VISCA CATALUNYA …LLIURE!”

Yes Podemo ti ringrazia Marco, il nostro primo viaggio termina qui…. Ma le emozioni no… il prossimo a darle voce sarà il nostro presidente Ruggero….

 

A Presto

Federica …. Anche io mi unisco VISCA CATALUNYA…..LLIURE